inevidenzanatura

Etichetta trasparente

Vi è mai capitato di prendere in mano un prodotto alimentare e di non riuscire a trovare, girando e rigirando, dove sia indicata la provenienza? Come mai è difficile rintracciare un dettaglio così importante? Sovviene un sospetto…

Nonostante le innumerevoli battaglie di varie associazioni per la trasparenza in etichetta a tutela dei consumatori, ancora oggi non ci sono garanzie al riguardo né dalle istituzioni sovranazionali né da quelle nazionali.

Molte sono le campagne sbandierate da costoro, a favore della qualità alimentare, ma fra proroghe, cambi di rotta ed illeciti, alla resa dei conti sugli scaffali sono presenti prodotti del tutto privi di tracciabilità.

Il filosofo Ludwig Feuerbach scrisse: “La teoria degli alimenti è di grande importanza etica e politica. I cibi si trasformano in sangue, il sangue in cuore e cervello; in materia di pensieri e sentimenti. L’alimento umano è il fondamento della cultura e del sentimento. Se volete far migliorare il popolo, in luogo di declamazioni contro il peccato, dategli un’alimentazione migliore.

L’uomo è ciò che mangia”. (Il mistero del sacrificio o l’uomo è ciò che mangia, 1862)
La trasparenza sulla tracciabilità è una questione che riguarda sia direttamente la nostra salute attraverso la sicurezza alimentare, sia indirettamente il tessuto socioeconomico di un Paese ricco in qualità come l’Italia, che deve essere sostenuto a fronte di un mercato globalizzato insidioso, a causa dei troppi regolamenti nazionali divergenti sulla materia.

Noi tutti però possiamo ribaltare i giochi, l’economia si basa sulla dinamica domanda-offerta, quindi noi consumatori abbiamo un potere: possiamo orientare il mercato a nostro favore facendo scelte consapevoli. Leggiamo le etichette!

Tags: inevidenza, natura

TRENDING POST

Seguici

YouTube

tag

Menu
LAB News
1901 Lemur Ave Chieti, CH 66100
Categorie: